Una finestra nuova, per tutti, aperta sulla strada, sul mondo, ... lontana dai poteri, vicina alla gente, ... curiosa, rispettosa, amica, ... aperta allo scambio, alla battuta, al saluto, alla discussione, alla polemica, ...incline alla pace, ... ansiosa di verità, ...anche provocatoria se necessario, ... puntuale, ... intrigante, ... attesa, ............

 

venerdì 9 gennaio 2015

BUON NATALE E BUON ANNO!
Come è stata festeggiata questa ricorrenza nel mondo, ma in particolare in Italia dove la tradizione la fa sempre da padrona
di Carmelo Maria Carlizzi

La strage degli innocenti è stata sempre la maniera preferita da parte delle menti criminali più occulte per onorare a modo loro il Natale quali servitori di colui che da sempre frigge di rabbia sui carboni dove è condannato a sedere per l’eternità. Mentre per ragioni spesso squisitamente commerciali, un bel po’ di tempo prima del 25 dicembre e un bel po’ di tempo dopo, iniziano e proseguono a risplendere luminarie, addobbi, fuochi d’artificio e quant’altro dovrebbe invece degnamente sottolineare l’evento della nascita del Salvatore.
Come non ricordare solo alcune di queste stragi, ad esempio quella di 20 bambini su un totale di 27 vittime da parte di un folle avvenuta il 14 dicembre 2012 a Newtown nel Connecticut (Usa), quella del 24 seguente ad Homs per bombardamenti in Siria con 27 bambini su 100 vittime e ancora quella della notte di Capodanno 2013 con almeno 26 bambini e ragazzi su un totale di 60 persone uccise dalla calca allo stadio di Abdjan in Costa d’Avorio, quindi la strage di 14 bambini su un totale di 22 vittime avvenuta il 15 dicembre 2013 ancora ad Aleppo in Siria e poi quella recentissima del 16 dicembre scorso a Peshavar in Pakistan che ha colpito ben 130 bambini e ragazzi di una scuola su complessive 141 persone uccise dai talebani. Ma la cronaca è proseguita con il massacro avvenuto il 19 dicembre a Cairns presso Sidney in Australia per mano di una donna che ha ucciso otto bambini di cui sette erano suoi figli.

 

lunedì 20 ottobre 2014

IL PATTO DI SANGUE DEL ’92 E' GIUNTO ALLA SCADENZA, ORA OCCORRE RINNOVARLO OPPURE … CONTESTARLO.
Le ragioni per cui il nostro Paese nonostante il cambio di marcia impresso con incisività da Matteo Renzi è di fatto al palo. Né si avvertono segnali di ripresa d’alcun genere al di là delle belle parole e delle ottime intenzioni del presidente del Consiglio

di Carmelo Maria Carlizzi

 

martedì 25 gennaio 2014

COME FARA’ RENZI A NON TRUCCARE LE CARTE, poiché l’economia sommersa, la criminalità organizzata, l’illegalità e la corruzione rappresentano secondo Bankitalia ormai il 30% del prodotto interno lordo e quindi una zavorra che frena ogni tentativo di risanamento?

di Marcelo Mariani

Fabio Fazio il giorno dell’avvio del recentissimo Festival di Sanremo e prima di iniziare a presentare le canzoni in gara ha esortato gli Italiani a metter mano al restauro del nostro, nonostante tutto, ancora Bel Paese. Proposito bellissimo, quasi commovente e per nulla retorico, che immagino rivolto essenzialmente ai nuovi governanti e quindi a Renzi, al suo governo nascente e a quanti dovranno operare con lui. Ma poi certamente anche a tutti noi.
Come tanti credo anch’io che Renzi sin dai primi giorni vedrà ingigantirsi i problemi con i quali si sta misurando e che sono d’ogni sorta: politici, economici e sociali. Renzi, che ha dichiarato tanti lodevoli intenti, per governare e produrre frutti avrà bisogno di una solida maggioranza parlamentare, e dovrà far sì che questa si mantenga stabile benché in partenza sia già alquanto eterogenea.

di Gabriella Pasquali Carlizzi - Mercoledì 10 Giugno 2009

ELEZIONI: L’ILLUSIONISMO DI UNA ABBAGLIANTE VITTORIA, DIETRO UN VOTO INTELLIGENTE CHE GLI ITALIANI HANNO ESPRESSO COME UN PRECISO E SEVERO MESSAGGIO IN CODICE.
EPPURE TRA I TANTI ANALISTI NESSUNO HA RILEVATO CHE…
Le analisi dei più esperti in materia elettorale sono state servite su un piatto d’argento, prima, durante e dopo l’espressione della volontà degli Italiani.

EVIDENTI “PROFEZIE”…
SONO COSI' CHIARI I SEGNALI CHE PROVENGONO DAL MONDO ECONOMICO, SOCIALE E POLITICO IN ITALIA CHE SOLO GLI STOLTI POSSONO IGNORARE. METTERE MANO ALLA "COSTITUZIONE ITALIANA", PRIVI DELLA CULTURA E DEL SENSO DELLA POLITICA INTESA COME SCIENZA, DETERMINERA' CAMBIAMENTI CHE SEGNARONO PROFONDAMENTE LA NOSTRA NAZIONE, MOLTO DI PIU' DELLA PRESUNTA RIVOLUZIONE DI "MANI PULITE", L'OPERA INCOMPIUTA DELL'"ARTISTA DELLA MORALIZZAZIONE", CHE DOPO AVER CONSUMATO TUTTI I COLORI, PREFERI' EVITARE DI INTINGERE IL PENNELLO NEL "ROSSO"... FORSE PENSANDP DI UTILIZZARLO IN FUTURO, PER RIFARSI IL TRUCCO PROMA DI APPARIRE IN TV, OVE E' PROIBITO L'USO DELLE MANETTE...
EPPURE, L'ARTISTA DI "MANI PULITE" DOVREBBE ARROSSIRE NATURALMENTE DAVANTI AGLI ITALIANI...
PROVIAMO A DARE UNO SGUARDO ALL'INDIETRO...
GOVERNO : PERCHE' NON E' POSSIBILE STARE DALLA PARTE DI BERLUSCONI
NEL LIBERISMO DEL CAVALIERE NON TROVA POSTO CHI NON E' IN GRADO DI CONDIZIONARE LE LEGGI DEL MERCATO. E' BENE CHE GLI ITALIANI CONOSCANO LE RAGIONI FONDAMENTALI CHE STANNO PROVOCANDO UNA “SILENZIOSA” SPACCATURA ALL'INTERNO DEL PARTITO FORZA ITALIA.
Mai come in questi ultimi tempi abbiamo sentito parlare di liberismo e di quanto la sua filosofia sia considerata importante ai fini di una corretta gestione politico-economica del Paese.